Menu

L'AGRITURISMO

Di madre in figlia, quattro generazioni di donne, Maria, Iolanda, Tiziana, l’attuale titolare dell’azienda agricola, e la giovane figlia Giulia, hanno rilanciato un’impresa agricola, riscattando il lavoro nei campi, occupandosi con successo della conduzione dell’attività familiare diversificando negli anni la propria offerta, partita dalla vendita di frutta (in particolare le prugne e le dolcissime Favette di Terracina, fragole dal colore rosso brillante) e ampliandola fino a creare un Agriturismo dotato anche di piscina, nel quale è possibile soggiornare, stare a contatto con gli animali e acquistare prodotti a chilometro zero. Il forno, che grazie proprio a Iolanda, mamma di Tiziana, cuoce settimanalmente il pane per la famiglia, è divenuto centro d’interesse, inaspettato focolare per le scolaresche che si ritrovano in azienda e che godono dell’arte di imparare a impastare e poi, in un secondo momento, anche di gustare il frutto, pane o pizza che sia, del loro utile divertimento. 

“La Mia Terra” è, infatti, anche una Fattoria Didattica che apre le sue porte alla visita di scolaresche degli Istituti primari. Tiziana è un’imprenditrice che ha saputo sviluppare un’agricoltura che coniuga tradizione ed innovazione, realizzando una vera azienda agricola multifunzionale, inoltre, è una delle donne imprenditrici d’Italia che può vantare l’attribuzione del prestigioso titolo di “De@Terra”, riconoscimento che l’Osservatorio Nazionale dell’Imprenditoria ed il Lavoro Femminile in Agricoltura (ONILFA) assegna a quelle donne che si sono distinte per impegno e passione in attività inerenti allo sviluppo dell’agricoltura e delle aree rurali.

Premiata anche nel luglio del 2012 dal presidente del Consiglio Regionale del Lazio Mario Abbruzzese, che è intervenuto con i consiglieri regionali Isabella Rauti e Stefano Galetto: “un’azienda che deve essere da esempio per le tante altre piccole realtà imprenditoriali del mondo agricolo che ogni giorno si impegnano in un settore che più di altri sta soffrendo gli effetti della crisi”. Il suo successo è stato anche riconosciuto dal prestigioso quotidiano americano New York Times, in prima pagina come esempio di riscoperta della terra.